Music Blast

Benvenuti, amanti della Musica!
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  RegistratiRegistrati  

Condividere | 
 

 Le scale "matematiche".

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Rós

avatar

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 28.06.10
Età : 24
Località : Valhalla.

MessaggioTitolo: Le scale "matematiche".   Gio Lug 29, 2010 8:23 pm

Ci sono diverse strategie per lavorare sui modi, una è quella scolastica, cioè ricavare i modi dalle scale maggiori, studiarli uno per uno e imparare a usarli "contro" la tonalità che li ha generati ( per me il metodo ancora più valido);
un'altra è quella di "suonare per accordi" ovvero tenere saldo l'arpeggio della tetrade in questione e variare 9a 11a e 13a per ottenere scale nuove, per esempio su un Dm7 tenere per buone le note Re Fa La Do e giocare con le alterazioni di Mi Sol e Si e cominciare a suonare "out" con la nuova scala: per esempio aggiungo a un Dm7 un Eb e un Bb e scopro che sto suonando frigio, oppure gli "ammollo" il Si naturale e qualcuno mi farà notare che sto suonando dorico; molto pratico ma poco cosciente, nel senso che alla lunga si finirà per non capire perchè certe cose abbiano quel particolare suono;
la terza strategia fu quella suggerita dall'anonimo romano ed è l'uovo di colombo: una scala diatonica o modale contiene 7 intervalli che abbracciano 12 semitoni, ora abbiamo pochissime possibilità di ottenere una somma 12 con 7 addendi senza superare 3 in valore assoluto, ovvero:
2+2+1+2+2+2+1=12
3+2+1+1+2+2+1=12
3+3+1+1+1+2+1=12
Parlavamo di semitoni, quindi assegneremo a 1 il valore di un semitono scritto S, ovvero di una seconda bemolle, a 2 il valore di un tono, scritto T, ovvero di una seconda maggiore e a 3 il valore di un toneo e mezzo, scritto T*, ovvero una seconda eccedente, così la prima somma si potrà esplicare come T T S T T T S -> Do Re Mi Fa Sol La Si (Do):
ovvero la nostra famosa scala maggiore; per la proprietà dell'addizione che vuole invariato il risultato cambiando l'ordine degli addendi, cambiando l'ordine della sequenza otterreemo tutti i modi della scala maggiore e della minore melodica -> T S T T T T S -> Do Re Mib Fa Sol La Si (Do) Wink
dietro la seconda somma si nasconde la scala minore armonica T S T T S T* S -> Do Re Mib Fa Sol Lab Si (Do) e tutti i suoi modi cambiando l'ordine degli addendi;
con la terza sequenza si ottengono dei modi e delle scale assolutamente..... da provare .... ascoltate le scale usate da Robert Fripp [ tipica "frippata" su un Cmaj7 Cool S T S T* S T* S -> Do Reb Mib Fab Sol Lab Si (Do) ] o anche Eugenio Colombo o Patrizio Fariselli (Area) Wink
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Le scale "matematiche".
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Scale e punti di riferimento
» scale con intervalli costanti (o simmetriche)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Music Blast :: Teoria, armonia e improvvisazione-
Andare verso: